L’Arteriopatia Cronica Ostruttiva degli arti Inferiori

 

E’ una malattia che colpisce le arterie degli arti inferiori, in particolare le arterie delle gambe (iliache, femorali, poplitee, tibiali) . Ha un andamento cronico e comporta una riduzione del calibro dei vasi sanguigni fino alla completa occlusione.

Il fumo è certamente il fattore più importante per l’insorgenza della malattia arteriosa.

Altre cause sono l’ipertensione arteriosa, l’ipercolesterolemia e il diabete.

Tutti questi fattori portano alla formazione della placca, cioè di un deposito di grasso che produce un ostacolo al flusso di sangue e di conseguenza una mancata irrorazione, principalmente nelle arterie periferiche.

E’ importante non sottovalutate i sintomi. Nelle fasi iniziali non da sintomi ma peggiorando può causare:

Dolori e crampi ai polpacci quando si cammina o si passeggia tanto da impedire il cammino, ma si riduce e scompare con il riposo, per ritornare quando si ricomincia a camminare: è chiamato con il termine “claudicatio intermittens”.

Raffreddamento della cute in specifiche aree delle gambe e del piede, o modificazioni di colore della cute. Si possono verificare delle lesioni cutanee ai piedi o alle dita dei piedi che non rimarginano rapidamente.

La diagnosi viene fatta in 2 tempi: con visita ed esame del paziente  e quindi valutando l’anamnesi (familiarità, fattori di rischio), i sintomi (dolore o crampi ai polpacci, freddo, parestesie), l’ispezione: colorito cutaneo, annessi cutanei,, trofismo, termotatto, la palpazione: ricerca dei polsi arteriosi e l’auscultazione di eventuali soffi sistolici.

Inoltre, si avvale di tecniche non invasive (EcoColorDoppler), Indice pressorio Caviglia Braccio (ABI index)  e tecniche  invasive (Angiografia, AngioTAc).

Il trattamento efficace delle insufficienza arteriose periferiche deve consentire la prevenzione e la correzione dei fattori di rischio della malattia aterosclerotica.

Quindi, astensione completa dal fumo, attività fisica costante, correzione delle alterazioni dismetaboliche (trattamento farmacologico del diabete e dell’ipercolesterolemia). Allo scopo si impegnano farmaci antiaggreganti (aspirina, clopidogrel,ticlopidina) si cura lo scompenso metabolico (statine, insulina ipoglicemizzanti orali)  e l’ipertensione arteriosa.

Si eseguono tamponi da ferita nelle lesioni ulcerate trofiche periferiche e si attuano adeguate antibioticoterapie.

Inoltre, in particolari casi, si ricorre a una terapia chirurgica tradizionale o endovascolare. Quella tradizionale consiste nella pulizia delle arterie (tromboendoarterectomia) o nell’esecuzione di pontaggi (bypass) dei vasi ostruiti con vene del paziente o protesi sintetiche.

La terapia endovascolare consiste nella dilatazione delle arterie attraverso l’inserimento di palloncini nel loro lume (angioplastica) o nel posizionamento di dilatatori metallici (stent) o di protesi.  Questa terapia offre il vantaggio di evitare le incisioni chirurgiche nell’addome o negli arti poiché può essere eseguita attraverso la semplice puntura di un arteria con un ago.

Benvenuti sul sito
del Dott Alessandro
Centi Pizzutilli
logo_edited_edited.png

© 2023 by Serenity Spa. Proudly created with Wix.com

  • Black Facebook Icon
  • Black Twitter Icon
  • Black Instagram Icon